Sereno suicidio

Ma come è possibile che si decreti la Finlandia il posto più felice della terra (l’Italia sarebbe molto sotto alla classifica) senza neanche considerare il numero di suicidi? Ma possibile mai che un paese da sempre riconosciuto, come tutte le socialdemocrazie subpolari, efficentissimo ma depresso, venga osannato per la sua gaiezza? Cosa si vuole far passare con questi titoli all’opinione pubblica? Basta analizzare i tassi di suicidi infatti per rendersi conto che queste nordiche patrie “di belle persone che cantano canzoni felici in appartamenti modernisti eleganti” sono tutt’altro che felici. Ma se questi “Nearly Perfect People” sono così sereni, perchè mai sono ai primi posti del consumo di antidepressivi? Per non parlare di un rapporto tra uomo e donna tanto sproporziato a favore del gentil sesso (si può ancora dire?) da garantire i numeri più alti di violenze sessuali. Sarà pure tutta contentezza inespressa ma rimangono i dubbi. Non è che i media “del progresso” li additano a modello per pura propaganda politica, incuranti di pubblicizzare un efficientismo laicista che ha distrutto la spiritualità umana? Non si è forse pagata l’eliminazione del disagio sociale con una perdita di senso dell’esistenza? Non è che maggiormente in quei paesi l’uomo stesso è diventato ingranaggio di un sistema che continua a curare l’avere ed a trascurare l’essere?

La sciocca pretesa

Sono stupefatto che la visione scientifica del mondo reale intorno a me sia così deficitaria. Ci dà tante informazioni fattuali, dispone tutta la nostra esperienza in un magnifico ordine coerente, ma è orribilmente silenziosa su tutte le diverse cose vicine al nostro cuore, su tutte le cose che contano davvero. Non può dirci una sola parola sul rosso e sul blu, sul dolce e l’amaro, sul dolore e la gioia fisica; non sa nulla del bello e del brutto, del bene e del male, di Dio e l’eternità. La scenza pretende qualche volta di rispondere a domande in questi ambiti, ma le sue risposte sono spesso così sciocche che non siamo disposti a prenderle seriamente.”

Erwin Shrodinger, premio Nobel per la Fisica 1933

Fede necessaria alla scienza

«Chi ha veramente collaborato a costruire una scienza sa per propria esperienza interiore che sulla soglia della scienza sta una guida apparentemente invisibile, ma indispensabile: la fede che guarda innanzi. Non c’è principio che abbia recato maggior danno, per l’equivoco a cui si presta, che quello dell’assenza di premesse nella scienza».

Max Plank, Nobel per la Fisica, conferenza del 1930, su La conoscenza del mondo fisico

Giorno dei Santi

Alla fine, essere santi non vuol dire fare tutte le cose giuste.
Vuol dire dare tutto, offrire tutto, anche quel pezzettino che ci tiene ancorati allo scoglio del mondo.
L’abitudine dalla quale non ci possiamo staccare, ciò a cui pensiamo di non poter rinunciare, e quel timore che ci trattiene dall’offrire tutto noi stessi perché sappiamo che la nostra offerta sarà accettata. Il peccato è un “non”: non volere essere interi.

Vedo che mi converrebbe, ma non ci riesco. No, neanche a chiederlo. Ho paura della Grazia di cambiare. Forse accadrà domani. Ma oggi, non sono santo.

Pubblicato da Berlicche, titolo originale: Oggi non sono Santo

Ricapitolando il falso

I disegni del 1874 di Haeckel

È imbarazzante, ma vero: alcuni dei disegni più influenti nella storia della biologia sono sbagliati, esagerati per adattarsi a una tesi” tuona schiettamente The New Scientisti riferendosi ai disegni di Haeckel. Ma, attenzione, nonostante la deliberata falsificazione sia conosciuta da tutto il mondo scientifico, le tavole dello scienziato tedesco, svecchiate ed abbellite, fanno ancora bella mostra di sé su alcuni libri scolastici dei nostri figli. Difficile a credere? Si sfoglino allora le pagine che riguardano la riproduzione umana oppure si salti al capitolo dell’evoluzione darwiniana, le si potranno scoprire tra le ”prove” della stessa. Provare per credere.

L’evoluzionista tedesco Ernst Haeckel dalla fine dell’800 prese a sostenere la “biogenetica” e cioè che “ontogenesi ricapitola la filogenesi”: con la forma degli embrioni delle specie viventi era per lui possibile risalire alle specie estinte da cui derivavano, andando così a colmare l’imbarazzante carenza di prove scientifiche a favore della teoria darwiniana. E siccome si dovevano fornire delle “prove” alla comunità scientifica decise di costruirsele. Il risultato furono dei disegni in cui egli comparava embrioni di diverse specie adattandoli liberamente ai sui scopi: “Haeckel non solo tolse o aggiunse organi ma alterò anche la scala per esagerare le similitudini tra le specie anche quando c’erano differenze di dimensione di 10 volte“. ii Insomma, i disegni di Haeckel “sembrano dimostrarsi uno dei più famosi falsi della biologia” iii e quando fu sorpreso con le dita nella mermellata Haeckel si difese tirando nella mischia altri scienziati “dovrei considerarmi condannato e annichilito, se non avessi la consolazione di vedere accanto a me sul banco degli imputati centinaia di colleghi colpevoli, tra cui molti dei più fidati osservatori e dei più stimati biologi. La grande maggioranza di tutti i diagrammi presenti nei migliori testi di biologia, nei trattati e nei giornali presenta lo stesso grado di “falsificazione”, in quanto sono tutti inesatti e più o meno manipolati, schematizzati e costruiti“.iv Ma questa sua ammissione fu stranamente dimenticata.

Anche se la scienza moderna sa che “ La legge biogenetica è sicuramente morta stecchitav i sui colpi di coda, camuffati da rigorosi studi geneticivi, arrivano fino ai nostri giorni. Nel libro delle scuole medie inferiori che chi scrive ha sotto mano il confronto è tra embrioni di pollo e dell’uomo e si sostiene che “all’inizio gli embrioni si assomigliano molto“. Ovviamente, embrioni con pochissime strutture biologiche si assomiglino tra loro; di più, l’ovulo appena fecondato è presumibilmente pressochè identico, e allora? Una Ferrari rossa ed una 500 possono essere confuse se appaiono come puntini rossi osservati a grande distanza, mentre diventano distinguibili quando s’avvicinanano a chi osserva. Una grande scoperta quindi, tanto da gareggiare con quella dell’acqua calda. Ma un tale ragionamento può sostenere “parantele evolutive”?

Ma perchè mai dovremmo preoccuparci della presenza di tali anacronismi truffaldini nei libri di testo? Prima di tutto perchè puzza alquanto di ideologia che un tale falso scientifico campeggi ancora sui testi delle scuole dell’obbligo, eppoi perchè la superficialità delle “ricapitolazione” embriologica ha già fatto un sacco di danni, ed in molti ambiti. La teoria di Ernst Haeckel infatti, asserisce che un organismo più evoluto ha qualcosa in più rispetto a quello meno evoluto, ed il giochino funziona per addizione: il più evoluto ha qualcosa in più di cui l’altro è sprovvisto. E qui sta il cuore della questione.

S. J. Gould

S. J. Gould, uno dei massimi evoluzionisti del secolo scorso, si occupòvii ampiamente delle nefande conseguenze dell’affermazione della “teoria della ricapitolazione”: l’uso strumentale della biologia a fini ideologici portò alla legittimazione di eccessi non solo nel campo della antropologia criminale lombrosiana e della psicologia infantile, ma fornì anche il substrato pseudoscientifico a condotte imperialiste e persino alla teoria della razza nazista. “Per chiunque voglia affermare l’ineguaglianza innata delle razze,pochi argomenti biologici possono essere più attraenti della ricapitolazione,con la sua insistenza sul fatto che i bambini delle razze superiori (inevitabilmente i propri) passano attraverso e oltre le condizioni permanenti degliadulti delle razze inferiori»viii Di più, popoli più poveri e donne presenterebbero le stimmate “infantili” che li renderebbero “bisognosi” di essere tutelati da popoli più evoluti e padri/mariti. Ecco giustificato ” a fin di bene” imperialismo e paternalismo. Fu quindi naturale buttarsi a studiare polpacci, ombelichi, nasi e cervelli per riconoscervi inequivocabilmente elementi primitivi/infantili.

Ma il fenotipo, le caratteristiche espresse, può essere strumentalizzato a piacimento: così dagli anni ’20 con la pedomorfosi, la ricapitolazione fu usata per giudicare H. sapiens superiore agli altri primati non per essere “più avanti” ma al contrario, per essersi arrestato prima nello sviluppo, ad un livello più infantile degli altri quadrimani, un livello, ben inteso, “ora foriero di novità a venireix , e questo grottesco sviluppo della teoria serpeggia vitale persino ai nostri giorni. E come la mettiamo con la grande mole di “fatti” che decretavano come inferiori neri e donne perchè morfologicamente più infantili? Per evitare che queste fino a quel punto svantaggiate categorie potessero divenire di botto superiori furono presi in considerazione caratteri diversi attestanti a loro volta che ” la razza bianca” sembra essere la più progredita, poiché è la più ritardata“.x Nonostante Gould riconoscesse alla scienza una valenza conoscitiva, seppure “spesso ottusa ed errata“, questo voltagabbanismo scientifico lo spinse ad affermare “«Critico […] il mito che la scienza stessa sia un’impresa obbiettiva […] è un fenomeno sociale, dunque è inevitabilmenteattraversata dalle ideologie, dai conflitti, dagli interessi che animano la società […] La maggioranza dei suoi cambiamenti nel tempo non registra un avvicinamento alla verità assoluta, ma il mutamento dei contesti culturaliche la influenzano così fortemente». xi

E’ quindi così strano immaginare che la longevità del riconosciuto falso scientifico di Haeckel sia tale in quanto ancora funzionale al main stream odierno? Non riusciamo proprio a vederci una giustificazione scientifica per abomini di ogni sorta? Salta in mente, ad esempio, che se in stadi iniziali dell’embriogenesi siamo simili ad animali, non sussiste alcun problema etico a far scempio di quelle vite.

________________________________

i Matthew Cobb, How fudged embryo illustrations led to drawn-out lies, The New Scientist, 05 Jan 2015; https://www.newscientist.com/article/mg22530041-200-how-fudged-embryo-illustrations-led-to-drawn-out-lies/

ii Elizabeth Pennisi, “Haeckel’s Embryos: Fraud Rediscovered”, Science, 5 septembre 1997, DOI: 10.1126/science.277.5331.1435a

iii Ibidem

iv Francis Hitching, The Neck of the Giraffe: Where Darwin Went
Wrong
, Ticknor and Fields, New York, 1982, p. 204

v Keith S. Thomson, Ontogeny and Phylogeny Recapitulated

vi T. Domazet, D. Tautz. A phylogenetically based transcriptome age index mirrors ontogenetic divergence patterns. Nature, 2010; 468 (7325): 815 DOI: 10.1038/nature09632; A. T. Kalinka, and coll. Gene expression divergence recapitulates the developmental hourglass model. Nature, 2010; 468 (7325): 811 DOI: 10.1038/nature09634

vii S. J. Gould, Ontogenesi e Filogenesi (1977)

viiiIbidem p. 122

ix Ibidem p. 127

x Ibidem p. 128

xi S. J. Gould, Intelligenza e pregiudizio, p.43

Ecologia umana!

Il 22 ottobre del 1978 partiva il pontificato di san Giovanni Paolo II, il Papa polacco. Chissà come commenterebbe lo smarrimento dei giorni attuali chi aveva contribuito al crollo dell’impero comunista russo, il Papa del “Non abbiate paura!”. In ogni caso ci piace ricordare in epoca di mobilitazioni ecologiste quanto scrisse in proposito nella Centesimus annus del 1991: «Non solo la terra è stata data da Dio all’uomo, che deve usarla rispettando l’intenzione originaria di bene, secondo la quale gli è stata donata; ma l’uomo è donato a se stesso da Dio e deve, perciò, rispettare la struttura naturale e morale, di cui è stato dotato». La terra e l’uomo hanno quindi un fine stabilito da Dio e «c’è dunque un’ecologia che potremmo dire “umana”». Le due ecologie quindi non possono essere tenute distinte o, peggio, servire per contrabbandare un’ideologia atea: è chiaro quindi che « l’umanità, se ha a cuore la pace, debba tenere sempre più presenti le connessioni esistenti tra l’ecologia naturale, ossia il rispetto della natura, e l’ecologia umana». Ad esempio, abbracciare la bandiera verde e, contemporaneamente, quella dell’ideologia LGBT non è cristiano, ammesso che possa interessare a qualcuno dei fans della dottrina di Greta.

Ancora balle spaziali

Ci risiamo. Il solito libro”dal successo clamoroso” privo di vere novità scientifiche, il solito scienziato quasi famoso [ elevato al rango di premio Nobel grazie alla testata che lo ospita per la presentazione del libro] che vuole vendere ancora più libri per diventare famoso, tutto, ben inteso, solo in nome della conoscenza. Non una conoscenza qualunque ma, udite, udite, assoluta: « non solo sappiamo di “vita su milioni di pianeti” ma “Sappiamo come è nato l’universo e anche perché”.

Ah, sì? E i Tg non ne parlano? Possibile che ci siamo persi tutto questo ben di Dio? Calma ragazzi. Leggendo attentamente si scoprono i trucchi: si ammette infatti che « molti particolari devono ancora messi a fuoco» si parla di «una schiuma di universi-bolla che si intrecciano» e di “scienziati che presto, forse, potranno cogliere questo intreccio scrutando con telescopi sempre più potenti“.

Il prof. Guido Tonelli

Circa la vita scopriamo che la sua straordinaria diffusione è sostenuta dal “semplice calcolo delle probabilità” , sottacendo la mostruosa difficoltà a spiegarla anche su un singolo pianeta . E’ la scienza dei “forse“, dell’aria fritta di infiniti universi indimostrati ed indimostrabili pullulanti di vita (ma dove?) che conosciamo bene quella di Guido Tonelli col suo “Genesi”. E’ la scienza del « troveremo anche qualche conferma ». Qualche confermaaa? ‘Sta cosa significa che non ne abbiamo nessuna! Ecco di cosa nutriamo le nuove generazioni: di fiabe pseudoscientifiche che superano la fantascienza, anzi, che sono esse stesse fantascienza. Non dire gatto… recita l’antico adagio popolare. E ritornare a fare scienza vera, quella delle conferme sperimentali? Ma anche no! Quella non fa vendere libri.. fa solo monotonamente riflettere su di un universo che ha avuto un inizio. Ed è una riflessione scomoda.

Serietà a confronto

Il Ministro Fioramonti

Il primo ottobre 2019, in un’intervista rilasciata a alla trasmissione radiofonica “Un giorno da pecora”, il Ministro dell’Istruzione Lorenzo Fioramonti afferma di essere favorevole all’eliminazione dalle laiche aule scolastiche del crocifisso e per difendere il suo punto di vista afferma “chi mi conosce sa che sono uno scienziato serio e mi occupo di ricerca e formazione“. Sarà, ma il nostro serio ministro assicurava nel 2013 che sono solopochi poliziotti per bene “, che Berlusconi “portava sfiga” a causa dei terremoti che si erano succeduti mentre alla Santanchè avrebbe volentieri sputato. A leggere tali simpatiche esternazioni del serio scienziato sorge il dubbio su quale sia la ricerca in cui si cimenta il nostro Ministro dell’Istruzione.

Il Nobel Phillips

Può essere a questo punto risultare edificante parlare di un altro scienziato serio. William Daniel Phillips è il fisico americano che vinse il Nobel per la fisica nel 1997, per «lo sviluppo di metodi per raffreddare e catturare gli atomi tramite laser». Presentandosi alla Templeton Foundation, scrisse nel 2004: Faccio ricerca tradizionale, pubblico in riviste peer-reviewed, presento le mie ricerche in riunioni professionali, formo studenti e ricercatori post-dottorato, […] Sono anche una persona di fede religiosa. Frequento la chiesa, canto nel coro gospel, di domenica vado al catechismo.. […] Per molte persone, questo mi rende in contraddizione: uno scienziato serio che crede seriamente in Dio .

Probabilmente, fra queste persone c’è pure il “serio” Fioramonti.

Pasteur, scienza e fede

Moriva il 28 settembre 1895 a Marnes-la-Coquette, Louis pasteur, conosciuto come il padre della microbiologia. In questo articolo, che ne mette in luce gli indubbi successi scientifici, è chiaro anche la sua schietta fede religiosa.

PASTEUR: GRANDE SCIENZIATO, SINCERO CREDENTE E’ il fondatore della microbiologia, ha introdotto la pastorizzazione del latte, ha permesso lo sviluppo dei vaccini, ha dimostrato con esperimenti l’impossibilità che la vita nasca dalla non vita (abiogenesi)

di Francesco Agnoli

Louis Pasteur (1822-1895) è stato il padre della microbiologia (branca della biologia che studia i microorganismi, batteri e virus), e come tale è uno degli scienziati che con le sue scoperte ha giovato maggiormente al benessere dell’umanità.
Pasteur esordisce come chimico, fondando la nuova scienza della stereochimica. Proprio attraverso questi studi, si convince dell’incommensurabilità tra materia bruta, inorganica e materia vivente e asserisce che la vita è un vero “mistero”.
Un’idea questa che resiste tutt’oggi, se è vero come è vero che il padre della biochimica, Erwin Chargaff, vi ha dedicato un intero libro, intitolato “Mistero impenetrabile”, mentre il genetista Francis Collins, dopo aver concluso la mappatura del genoma umano, ha sostenuto che “nessuno scienziato serio oserebbe oggi affermare di avere a portata di mano una spiegazione naturalistica dell’origine della vita”.
Nel 1855 Pasteur comincia a studiare la fermentazione lattica, quella alcolica, quella acetica, le malattie dei vini e della birra. E’ qui che “manifesta la sua genialità” e “mette in evidenza come in ogni genere di fermentazione siano implicati microrganismi di specie diverse; quindi dimostra che, elevando la temperatura del liquido nel quale è in corso una fermentazione, si arresta il processo, presumibilmente per la morte dei microrganismi responsabili” (Guido Cimino, in Storia delle scienze, Roma, 1984). Nasce così la pastorizzazione.
Ma i microrganismi nascono spontaneamente o sono generati da loro simili? Il tema è scientifico, ma anche filosofico.

LA GENERAZIONE SPONTANEA
Vi si erano cimentati, in passato, Francesco Redi e don Lazzaro Spallanzani, il “Galilei della biologia”. Entrambi avevano combattuto, senza darle il colpo mortale, l’idea greca della generazione spontanea (o abiogenesi), presente già in Talete, Anassimandro, Democrito e Aristotele…
Per i Greci la generazione spontanea era un dogma: per i panteisti, che non credevano come ebrei e cristiani, alla creazione dal nulla, tutta la materia era animata, in modo più o meno percettibile, così da non esservi una vera differenza sostanziale tra materia animata e materia inanimata; per i materialisti come Democrito “gli uomini erano stati originariamente generati dall’acqua e dal fango”, attraverso l’aggregarsi di atomi; per Lucrezio “la terra umida di pioggia, per il solo contributo del calore solare, era in grado di generare una grande quantità di piante e di animali”. Lucrezio “era convinto che gli atomi che formavano l’uomo o qualsiasi altro essere vivente, scomponendosi dopo la morte dell’individuo, potevano, in seguito e in condizioni favorevoli, unirsi ancora e formare un nuovo individuo, e tutto questo in maniera casuale” (Antonio Cadeddu, prefazione a Louis Pasteur, Scritti di microbiologia, Teknos, Roma, 1994).
Quando Pasteur si accinge a dare la definitiva dimostrazione sperimentale della impossibilità che la vita nasca dalla non vita, la abiogenesi è diventata, soprattutto dal Settecento, uno degli argomenti della filosofia materialista, “che vedeva nella generazione spontanea una sorta di atto di libertà della natura nei confronti di un qualunque potere sovrannaturale” (Pietro Dri, Pasteur, dal microscopio alle legion d’onore, Le Scienze, Roma, 2013) e riduceva l’alterità tra materia organica e inorganica ad una differenza di grado e non di qualità.
Il 7 aprile 1864, in una serata presso la Sorbona, Pasteur, che è un convinto cattolico, illustra l’impossibilità delle generazioni spontanee e si lascia andare ad un commento nel quale traspare la sua posizione di credente in un Dio creatore: “Quale vittoria, oh signori, per il materialismo se potesse proclamarsi fondato sul fatto certo che la materia autorganizzantesi produce per se stessa la vita; una materia che possiede già in se stessa tutte le forze conosciute! … Ah se noi potessimo aggiungerle quest’altra forza che si chiama vita, e una vita variabile nelle sue manifestazioni a seconda delle condizioni dei nostri esperimenti, che cosa più naturale in questo caso che deificare la materia? A che scopo ricorrere all’idea di una creazione primordiale, davanti al cui mistero occorre ben inchinarsi? A che pro l’idea di un Dio creatore?”.
Ma la generazione spontanea, anche di “esseri microscopici”, conclude Pasteur, è solo “una chimera”.

I VACCINI
Negli stessi anni Pasteur si cimenta nello studio della malattia contagiosa che uccide i bachi da seta e poi in quello delle malattie infettive degli animali: nel 1877 affronta il carbonchio, che uccide il bestiame, individua ed isola il microorganismo responsabile e “dimostra in modo definitivo la teoria del contagio, dando così l’avvio a un nuovo corso della patologia moderna”. Poi individua nuovi agenti patogeni (lo streptococco, lo staffilococco, il pneumococco…) ed affronta il colera dei polli. Nel 1881 sperimenta con successo su 25 montoni un vaccino contro il carbonchio, e così, come ricorda il citato Cimino, “dà inizio all’era della vaccinazione preventiva nei confronti delle malattie infettive”.
Pasteur si colloca dunque sulla scia di E. Jenner che nel 1796 “era riuscito ad immunizzare l’uomo dal vaiolo con materiale prelevato da bovini infetti”. Quello di Jenner, però, “questo era stato un risultato occasionale, ottenuto empiricamente; solo alla luce di una ‘teoria del contagio’, invece, poteva venire l’idea, che genialmente ebbe Pasteur, di rendere artificialmente i microrganismi meno patogeni, tali da procurare uno stato immunitario. In particolare, l’idea del vaccino gli era venuta allorché aveva notato che alcuni polli, infettati con germi del colera ‘attenuati’ (perché conservati a lungo in coltura), contraevano la malattia in forma leggera e, guariti, non erano più soggetti al contagio”. Proprio partendo dal “principio dell’immunizzazione tramite ‘coltura attenuata’, ovvero tramite vaccino, Pasteur riesce a sconfiggere, nel 1885 una terribile malattia, la rabbia”.
Le scoperte di Pasteur toccano ogni campo, anche la chirurgia: dimostrando il legame tra microbi e malattie umane, si certifica la necessità un’adeguata asepsi. Pasteur invita i chirurghi ad utilizzare solo strumenti e medicazioni sterilizzati, a lavarsi bene le mani, a disinfettare, riducendo così enormemente la mortalità generata dai chirurghi che con strumenti e mani infetti divenivano seminatori di microbi e di morte.

IL DIBATTITO
Ma gli innegabili successi non significano che non vi siano, anche tra ottimi medici e scienziati, degli oppositori, tra cui nientemeno che il grande Robert Koch. Il dibattito diventa incandescente quando Pasteur passa dagli animali agli uomini: l’opinione pubblica si divide, per alcuni è un “assassino”. Un tale Joseph Smith, morso da un gatto rabido, viene vaccinato e muore. La polemica monta, ma Pasteur dimostra che il decesso del paziente, pur essendo post hoc, non è propter hoc: il paziente è defunto non a causa del vaccino, ma perché era un alcolizzato, e “la rabbia trova terreno fertile negli etilisti, rendendo inefficace il vaccino”.

PASTEUR FILOSOFO
Un ultimo accenno, al Pasteur filosofo. Il 27 aprile 1882 viene accolto nella Accademia delle Scienze da Ernest Renan, ex sacerdote, negatore della divinità di Cristo e dei miracoli. Nel discorso di saluto Pasteur deve fare l’elogio funebre di Emile Littré, medico e seguace del positivismo di August Comte. Pasteur non esita a dire la sua: Comte e Littrè, figli dell’illusione scientista, ponevano ogni fiducia nella limitata scienza umana, e invitavano a non preoccuparsi “né dell’origine né della fine delle cose, né di Dio né dell’anima, né di teologia, né di metafisica”.
“Quanto a me”, argomenta Pasteur, “mi chiedo in nome di quale nuova scoperta, filosofica o scientifica, si possano estirpare dall’animo umano queste grandi preoccupazioni. Mi sembrano di essenza eterna, perché il mistero che avvolge l’Universo e di cui esse sono emanazione è esso stesso eterno per natura”.
In verità, conclude Pasteur, il positivismo “non tiene conto della più importante delle nozioni positive, quella dell’infinito. Al di là di questa volta stellata che cosa c’è? Nuovi cieli stellati. Sia pure! E al di là ancora? Lo spirito umano, spinto da una forza irresistibile, non smetterà mai di chiedersi: che cosa c’è al di là? Vuole esso fermarsi, sia nel tempo, sia nello spazio? Poiché il punto dove esso si ferma è solo una grandezza finita, soltanto più grande di tutte quelle che l’hanno preceduta, non appena egli comincia ad esaminarlo ritorna la domanda implacabile senza che egli possa far tacere il grido della sua curiosità… Colui che proclama l’esistenza dell’infinito, e nessuno può sfuggirvi, accumula in questa affermazione più sovrannaturale di quanto non ce ne sia in tutti i miracoli, perché la nozione dell’infinito ha la doppia caratteristica di imporsi e di essere insieme incomprensibile… Io vedo ovunque l’inevitabile espressione della nozione dell’infinito nel mondo. Attraverso essa, il soprannaturale è in fondo a tutti i cuori”.
Per questo, conclude, Comte e Littrè avevano torto: “la metafisica non fa che tradurre dentro di noi la nozione dominatrice dell’infinito” e la scienza stessa, in quanto desiderio di capire, non è che “l’effetto dello stimolo del sapere che il mistero dell’universo infonde nella nostra anima”.

PASTEUR E PASCAL
Quanto alla ragione, proprio come Pascal ne aveva indicati i limiti, alla luce della ragione stessa (vedi Pensieri 147, 156 e 159) – ricordando che “tutte le scienze sono infinite nell’estensione delle loro ricerche”, che la peculiare natura dell’uomo “ci impedisce di sapere con certezza e di ignorare in modo assoluto”, e che è impossibile che “una parte”, l’uomo, conosca “il tutto” (Pensieri, 43) -, anche Pasteur dichiara: “ancora più incompatibile con la ragione umana è il credere alla potenza della ragione sui problemi dell’origine e della fine delle cose… Credetemi, di fronte a questi grandi problemi, eterni soggetti di meditazioni solitarie degli uomini, non vi sono che due stati dello spirito: quello fornito dalla fede, la credenza a una soluzione data da una rivelazione divina, e quello del tormento dell’anima tesa alla ricerca di soluzioni impossibili e che questo tormento esprime con un silenzio assoluto (non con le false certezze dei “sistemi nichilisti” del positivismo, ndr) o, ciò che è lo stesso, con la confessione dell’impotenza di nulla comprendere e di nulla conoscere di questi misteri” (L. Pasteur, Opere, Utet).
Infine, sempre con Pascal, anche Pasteur affianca alla ragione, così definita, il cuore: gli “insegnamenti della sua fede (del credente, ndr) sono in armonia con gli slanci del cuore, mentre la credenza del materialista impone alla natura umana ripugnanze invincibili. Che forse il buon senso, il senso intimo di ciascuno non reclama la responsabilità individuale? Al capezzale dell’essere amato colpito dalla morte non sentite in voi qualche cosa che vi grida che l’anima è immortale? E’ un insultare il cuore dell’uomo dire con il materialismo: la morte è il nulla!”. […]

Nota di BastaBugie: nel seguente video (durata: 1 minuto) si ricorda l’esperimento scientifico di Pasteur che dimostrò come infondata la tesi, allora dominante, della generazione spontanea della vita, sostenuta dai materialisti atei che così negavano la necessità di un Creatore. Se vuoi vedere il video completo (durata 1 ora) da cui è tratto il seguente frammento, clicca qui!

Titolo originale: Il padre dei vaccini: vita e filosofiaFonte: Libertà e Persona, 9 luglio 2018 Pubblicato su BastaBugie n. 571

Furto di dignità

25 settembre 2019, Roma. “La Corte [Costituzionale-ndr-] ha ritenuto non punibile ai sensi dell’articolo 580 del codice penale, a determinate condizioni, chi agevola l’esecuzione del proposito di suicidio, autonomamente e liberamente formatosi, di un paziente tenuto in vita da trattamenti di sostegno vitale e affetto da una patologia irreversibile, fonte di sofferenze fisiche o psicologiche che egli reputa intollerabili ma pienamente capace di prendere decisioni libere e consapevoli”. La cosa, solleva molti dubbi anche in ambito medico, perché di fatto è diventato molto facile farsi ammazzare: basta che un qualsiasi paziente, mettiamo vostra figlia maggiorenne, affetta da anoressia, reputi intollerabile tale condizione. E quindi può chiedere aiuto ad un terzo, ormai non punibile, perché la si sopprima. Applausi.

Naturalmente, creato il primo caso, sarà sempre possibile limare sapientemente le “condizioni” limitanti, ad esempio la severità delle cure di “sostegno vitale“, tanto da rendere in prospettiva possibile suicidarsi anche per un diabete o per gli acufeni (ronzio cronico). E mentre i nostri figli non vanno a scuola per combattere contro il “furto di futuro” posto in essere dai produttori di CO2, subdolamente c’è chi lavora per privarli della cosa più importante e reale, la loro dignità di esseri umani. Ma quale genitore si premurerà di informarli? E dire che forse basterebbe trovare una ragazzina Asperger appassionata al tema…

Non solo agli esperti

“Così queste pagine hanno anche uno scopo politico che è quello di incoraggiare i lettori a non lasciare la scienza agli esperti, a non farsi disorientare da essa, ma invece a esigere una raffinata comprensione scientifica che possa essere condivisa da tutti»

R.C. Lewontin, scienziato evoluzionista, Biologia come ideologia. La dottrina del DNA, Bollati Boringhieri, 1993, p. 16