Archivi tag: Cristianesimo

Cristiani a singhiozzo

Corrado Augias

Martedì 16 aprile Corrado Augias, intervistato nella trasmissione Otto e Mezzo di Lilly Gruber, afferma che il rogo di Notre Dame ha risvegliato il “senti-mento latente” della comune radice europea. E’ vero, come è vero che fornire un’anima culturale comune ad un’Europa che pensa solo a banche e commerci va indubbiamente contro ad ogni forma di sovranismo, vero obiettivo della trasmissione. Ma Augias, noto mangiapreti, è poi constretto ad ammettere che siamo culturalmente “figli della stessa cultura, non foss’altro il Cristianesimo“. Giusto Augias. E bello.

E’ bello sentirlo dire proprio da un esponente di un’area politica che si è battuta per decenni affinché le radici cristiane non fossero riconosciute nella costituzione europea. Ed è questo il punto: come mai il rispetto per la comune cultura religiosa fiorisce proprio ora in bocca ad un progressista? La stessa cattedrale non fu devastata durante la Rivoluzione Francese ed addirittura rinominata “il tempio della ragione”? Augias dovrebbe sapere che grazie al diffuso sentimento anticristiano fomentato dalle avanguardie illuministe/progressiste, nella sola Francianel 2017 sono state ben 878 le chiese cattoliche e protestanti oggetto di atti di vandalismo o di profanazione“. Non si può tentare di estirpare per secoli la comune cultura cristiana e tirare fuori la bandiera crociata solo per arginare il presumibile tonfo degli europeisti alle elezioni per il parlamernto europeo. Dottor Augias, non si può avere l’uovo e la gallina..

L’ateismo è morto!

Ricordate la celebre frase di Nietzsche: “Dio è morto.”? Ebbene, sapete che c’è? Che è invece proprio l’ateismo ad essere morto. E non lo afferma un preticello di campagna ma un intellettuale di rilievo della patria dell’Illuminismo, Philippe Nemo, direttore e professore di Filosofia economica del Centro di ricerche in Filosofia economica presso ESCP Europe. Insomma, un pezzo grosso che proviene da un ambiente a prima vista completamente scristianizzato, ma che ci ricorda nel suo libro una verità sotto traccia a giudicare dai media: due secoli di “bombardamento” metaforico e reale della cristianità non sono stati sufficienti a sradicare la religione cristiana dal vecchio continente. Fu l’Illuminismo  ad inaugurare la stagione in cui «tutte le energie intellettuali sono state dedicate a respingere l’idea di Dio», ma il suo tentativo di sostituirsi ad esso con la scienza positivista (e la deriva scientista) è franato all’inizio del XX secolo. Da Hegel in poi ci provarono con l’Idealismo tedesco,  arrivando infine ad un “punto morto” filosofico. Quindi Strauss e Feuerbach  tentarono a negare la storicità del Cristo, cosa dimostratasi insostenibile in base ai fatti. Ci provarono anche con le filosofie rivoluzionarie, ma massoneria, nazismo e comunismo si risolsero nell’oppressione sistematica dell’uomo che avrebbero dovuto liberare. Un ultimo tentativo, ancora in corso ma infruttuoso, è la propaganda a favore dell’assolutizzazione dell’arte, la spinta verso contaminazioni neo-pagane e le filosofie orientali. Il risultato di questo “indottrinamento” mediatico è l’angosciosa “notte” della cultura occidentale, una cultura ammorbata anche dai “cadaveri intellettuali” delle ideologie politiche fuori tempo massimo e della  propaganda scientista targata Angela,  Augias, Odifreddi, Flores d’Arcais.  Ma l’aurora spirituale, in ogni caso,  è meno lontana di quanto si possa immaginare: il pensiero ateo sa opporre solo egoismo e nichilismo al “senso” cristiano del tutto e «nel silenzio dell’ateismo, la Parola di Dio ritornerà a essere udibile». Qualcuno già la sente..