Nessun gene gay

Lo si sapeva in fondo, ma ora arriva la conferma dal più grande studio di genetica mai fatto, quello che porta la firma Andrea Ganna del Broad Institute del Mit e di Harvard, il quale afferma che non esiste alcun gene gay, ma solo un complesso di fattori che alla fine portano a tale orientamento sessuale. Questi fattori, a giudicare dal commento l’oxfordiana Melinda Mills, sono soprattutto culturali e relazionali: il fatto è che i “loci genetici associati all’omosessualità, quando si combinano i loro effetti tutti insieme in un unico punteggio questo risulta così piccolo (inferiore all’1%) da non poter essere utilizzato in modo affidabile per prevedere il comportamento omosessuale di una persona“. La genetica influisce marginalmente, quindi la scienza ad oggi dice che non si è predestinati biologicamente all’omosessualità. E non è poco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *