La scienza non è onnisciente

R. C. Lewontin

A dirlo non è un reazionario esponente del “bacchettonismo” cattolico ma il famoso biologo genetista americano Richard C. Lewontin. In un breve saggio,  Biologia come ideologia, che dovrebbe essere letto obblligatoriamente in tutti i licei, Lewontin, di pensiero agnostico, partendo dalla biologia, dipinge delle scienza attuale un affresco diverso di quello della narrazione dei media,   puntando l’indice sul dogmatismo che la caratterizza e la distorce. Gli scienziati, possessori unici della “Verità”, in Occidente si sono sostituiti al Cristianesimo nell’indirizzare e giustificare non solo la visione del cosmo, ma anche quella la socialità e dell’uomo. Tale distorsione del modo di fare scienza è l’essenza dello scientismo, una sorta di “fede” che pretende di ottenere la conoscenza completa della realtà a partire dalla sola materia. Il pensiero di Lewontin è simile a quello del filosofo della scienza M. Ceruti che così commenta su Avvenire.it il suo libro “La fine dell’onniscienza“: “Per inerzia, anche da parte di molti suoi comunicatori, il modo in cui la scienza viene rappresentata è tornato positivista fuori tempo massimo, per così dire, ignorando come ormai da più di un secolo la scienza abbia cambiato paradigma abbandonando l’idea di essere autosufficiente“. Ma i due saggi non sono in fondo un invito a smettere di “fare scienza”, tutt’altro. Solo studiandola meno superficialmente e riconoscendone i limiti si potrà apprezzarne appieno il contributo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *