Ipocrisia vs ipocrisia

Ce lo siamo meritato. Noi occidentali, ed ipocriti benpensanti, ci siamo commossi per le gesta della giovane svedese Greta Thunberg. Abbiamo pensato che per tanto candore fosse il caso di chiudere un’occhio sulla chiarissima strumentalizzazione di una minorenne Asperger. La siamo stati ad ascoltare, ed a braccia conserte, lei ed il suo pippone ecologista. Ma adesso che è comparsa anche un’altra svedesina anti-Greta, come è stata subito ribattezzata dai media, ci sorbiremo anche la pippa conservatrice che propugna? Per par condicio direi di sì e quindi ci toccherebbe pendere dalle labbra anche della quindicenne Izabella Nilsson Jarvandi, che difende l’identità del suo popolo e l’uomo “naturale”.

Di sicuro la sinistra progressista, arrogandosi ideali superiori, che superiori non si può, sparerà a zero sull’operazione mediatica, mentre la stampa di destra la osannerà come la salvatrice del mondo. E così rimarremo incarcerati perpetuamente nella stessa logica cieca, senza vedere la realtà e cioè che sono solo ragazzine strumentalizzate per i fini degli adulti, adulti che dovrebbero almeno avere il coraggio delle loro idee! Fino a quando sarà tollerato questo massacro dell’ingenuità giovanile? Per protesta, ed a loro tutela, facciamo ciò che i media non fanno oscurando i volti delle bambine, che a quell’età dovrebbero dedicarsi a ben altra spensieratezza ed, en passant, agli studi. Noi intanto continuiamo a coltivare le nostre idee, incuranti di quel che dicono dei mocciosi manovrati.

2 pensieri su “Ipocrisia vs ipocrisia”

  1. Faccio una battuta: Evviva Pippo Calzelunghe: l’unica svedese con lec trecce che rimarrà nei nostri cuori 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *