Archivi categoria: Nessun dorma

Sereno suicidio

Ma come è possibile che si decreti la Finlandia il posto più felice della terra (l’Italia sarebbe molto sotto alla classifica) senza neanche considerare il numero di suicidi? Ma possibile mai che un paese da sempre riconosciuto, come tutte le socialdemocrazie subpolari, efficentissimo ma depresso, venga osannato per la sua gaiezza? Cosa si vuole far passare con questi titoli all’opinione pubblica? Basta analizzare i tassi di suicidi infatti per rendersi conto che queste nordiche patrie “di belle persone che cantano canzoni felici in appartamenti modernisti eleganti” sono tutt’altro che felici. Ma se questi “Nearly Perfect People” sono così sereni, perchè mai sono ai primi posti del consumo di antidepressivi? Per non parlare di un rapporto tra uomo e donna tanto sproporziato a favore del gentil sesso (si può ancora dire?) da garantire i numeri più alti di violenze sessuali. Sarà pure tutta contentezza inespressa ma rimangono i dubbi. Non è che i media “del progresso” li additano a modello per pura propaganda politica, incuranti di pubblicizzare un efficientismo laicista che ha distrutto la spiritualità umana? Non si è forse pagata l’eliminazione del disagio sociale con una perdita di senso dell’esistenza? Non è che maggiormente in quei paesi l’uomo stesso è diventato ingranaggio di un sistema che continua a curare l’avere ed a trascurare l’essere?

Eco-deriva

Si inaugura con questo post la categoria “Nessun dorma”, che si occuperà di proporre fatti e opinioni che fanno sorgere dubbi e interrogativi sulle loro profonde ragioni. Buona lettura

Ricordiate tutti lo squilibrato che in Nuova Zelanda ha imbracciato un mitra e si è messo a sparare sui musulmani di Christchurch? Ricordate allora che è stato presentato come un suprematista bianco. Ebbene, ciò che si tende a nascondere è che egli stesso si definisce un “eco-fascista“. Un articolo de La Nuova Bussola ci racconta come per Tarrant riscaldamento globale e immigrazione, “sono la stessa cosa, l’ambiente viene distrutto dalla sovrappopolazione, noi europei siamo uno dei gruppi che non stanno sovrappopolando il mondo. Gli invasori (sic!) sono quelli che stanno sovrappopolando il mondo. Uccidi gli invasori, ferma la sovrappopolazione e salverai l’ambiente!”. Non è che a furia osannare “visionarie verdi” tipo Greta Thunberg, gente che parla a senso unico di catastrofismo ecologico-demografico, il messaggio che passa è tale da far perdere la testa a qualche neurolabile? E siccome per questi estremisti verdi l’ambiente viene prima delle persone, perso per perso, qualcuno potrebbe convincersi che per salvare il pianeta( e se stessi! ) bisogna ammazzare quante più persone possibile, col controllo delle nascite, con gli aborti ed anche, perchè no, col mitra.