Archivi categoria: Cosmologia

Smisuratamente finito

Roma, 12 dicembre 2011, faccia a faccia sul futuro della scienza tra due alfieri dell’ ateismo scientifico, Andrea Camilleri e Margerita Hack . Modera Serena Dandini che ad un certo punto chiede: “L’universo è sempre esistito?” Hack risponde di botto: “Non lo sappiamo, io preferisco pensare che sia infinito nel tempo e nello spazio. ” Ma la teoria del Big Bang (universo finito con un inizio”singolare”) non è quella accettata dal modello standard? Perchè allora la Hack “preferisce” pensare in un altro modo?

L’universo è spazialmente finito o infinito? L’idea oggi più diffusa è che sia infinito: è tanto grande, viene da pensare, che non ha fine. Eppure, se l’universo è infinito, perché vediamo intorno a noi solo realtà che nascono e muoiono, cioè finite? E se l’universo non è infinito, cosa c’è prima e al di là di esso?
Esattamente 100 anni fa, Albert Einstein getta le basi della cosmologia moderna. In Considerazioni cosmologiche sulla teoria della relatività generale respinge l’idea di un universo infinito e immagina l’universo come un “continuo concluso”.
Per Einstein l’universo è spazialmente finito, di volume e circonferenza finiti, ma illimitato, senza frontiera. I concetti di finito e illimitato non sono in contraddizione: si potrebbe camminare a piacimento sulla Terra senza mai giungere ad un confine ultimo; nel contempo, tuttavia, nessuno dubita del fatto che la Terra possieda un volume finito.
Per il Nobel per la fisica Max Born “l’idea di uno spazio finito ma senza limiti” fornisce “la soluzione del mistero per cui il sistema stellare non si sparpaglia e non si dirada, a differenza di quanto accadrebbe se lo spazio fosse infinito” e “apre la strada al concetto moderno dell’universo in continua espansione1. Ma, pur spazialmente finito, l’universo di Einstein è infinito nel tempo e statico: l’idea che possa espandersi è da lui giudicata assurda ed esteticamente non attraente.


Georges Edouard Lemaître


LEMAÎTRE
Sono passati 10 anni dalla memoria di Einstein e il sacerdote Georges Lemaître contrappone all’universo statico di Einstein un universo dinamico, che cresce, si espande. Alcuni anni dopo, da questa intuizione ne nascerà un’altra: l’ipotesi dell’atomo primitivo, progenitore della moderna ipotesi del Big Bang. Così l’universo appare finito non solo nello spazio, ma anche nel tempo.
Per Lemaître questo è vero non solo alla luce della fisica, ma anche della filosofia: “nella realtà fisica l’infinito esiste solo in potenza, mai in atto2. Egli ritiene che le incredibili dimensioni cosmiche suggeriscano all’uomo di fede quello che la Bibbia insegna: la sua dignità di figlio di Dio e la sua piccolezza di creatura contingente.
Un universo finito nello spazio e nel tempo non piace ai materialisti coevi, in particolare al mondo comunista, che scomunica le cosmologie di Einstein e di Lemaître e proclama dogmaticamente l’infinitezza di materia e di spazio. Per i materialisti non può esserci nulla prima dell’universo e al di là di esso.
Ma ai fisici è ormai chiaro: che prima del Big Bang non vi fossero né spazio né tempo, non è affatto un’idea illogica, anzi. Come scrive il filosofo della scienza Paolo Musso 3, “possono esistere solo distanze che crescono nel tempo (infinito potenziale), come per esempio quelle tra le galassie nel caso dell’universo aperto, che continueranno a crescere senza però mai giungere ad essere infinite di fatto (infinito attuale, che non può esistere nel mondo materiale, ma solo in quello dello spirito)”.

I PADRI DELLA SCIENZA
Ma cosa pensavano i padri della moderna astronomia?
Per il cardinal Cusano (1401-1464) l’universo non è circoscritto dalle mura delle stelle fisse, ma ciò non significa che sia infinito: è, invece, “privo di termini entro i quali potrebbe essere racchiuso“. Per Copernico (1473-1543) e Keplero (1571-1630) l’universo è incredibilmente vasto, immensum, ma chiuso, finito, perché “l’infinità appartiene solo a Dio“. Per Cartesio (1596-1650) l’immensità della Creazione, deve spingerci a lodare Dio con maggior ammirazione e vigore; ma ciò non significa che l’universo sia infinito: “Non c’è che Dio solo che io concepisca positivamente infinito“.
In accordo con lui, il grande matematico padre Marin Mersenne dice: “il mondo non può affatto pretendere di rispecchiare e rappresentare l’infinita potenza di Dio4.

I. Newton

Anche l’universo di Isaac Newton, coincidendo con quello biblico, è finito. Sarà l'”universo newtoniano”, nella rivisitazione settecentesca, a divenire infinito nel tempo e nello spazio, e ad affermarsi per lungo tempo, sino al 1917.
L’universo infinito, assente presso i grandi scienziati, compare invece nella visione panteista di Giordano Bruno (1548-1600), come abbiamo sopra anticipato. È un’idea di cui oggi, a livello scientifico, non rimane molto. Già all’epoca, Bruno trova nei veri scienziati i suoi avversari. In particolare il già citato Keplero, secondo cui un corpo infinito non può esistere, e una “misurazione infinita non è concepibile”.

ALCUNI SCIENZIATI CONTEMPORANEI
Oggi, per l’astrofisico italiano Giovanni F. Bignami “L’universo è molto grande e le osservazioni astronomiche indicano che sta continuando ad espandersi. Le sue dimensioni però sono finite e sono determinate dalla quantità di materia e di energia che contiene5.
L’astrofisico T. X. Thuan ricorda che è grazie al concetto di “curvatura dello spazio” che “possiamo capire come sia possibile che lo spazio non abbia un confine pur restando rigorosamente finito. Se questo vi pare impossibile, mettetevi nei panni di un Magellano o di un Phileas Fogg intenti a fare più volte il giro del mondo. Per quanti giri facciate, non incontrerete mai alcun limite. Mai un muro o un bordo a sbarrarvi il cammino. Ciò nonostante, la superficie della Terra è finita. Ciò è possibile perché la Terra non è piatta ma curva“. Analogo il discorso per l’universo 6.
Pur essendo finito, l’universo è smisuratamente grande, e l’uomo è un puntino microscopico. Ma quella dell’universo è una grandezza spaziale, quantitativa, non qualitativa. Copernico, Keplero, Galilei, Pascal, ecc. ritenevano che la dignità dell’uomo non stesse nello spazio che occupa, ma nella sua capacità di pensare e di amare.  

Titolo originale: Lo spazio dell’universo Fonte: Il Timone, dicembre 2017 (n° 168) Pubblicato su BastaBugie n. 555

Notes:

  1. R. Clark, Einstein, Rizzoli 1976, pp. 230-234
  2. M. Stenico, Dall’archè al Big Bang. Georges Edouard Lemaître e la grande narrazione cosmica, Quaderni di archivio Trentino 2017, p. 67
  3. La scienza e l’dea di ragione, Mimesis 2011, p. 464
  4. A. Del Prete, La Rivoluzione scientifica: modelli di conoscenza, Treccani 2002
  5. G. F. Bignami, I marziani siamo noi. Un filo rosso dal Big Bang alla vita, Mondadori 2012, p. 188
  6. T. X. Thuan, Lo scienziato e l’infinito, Dedalo 2014, p. 96

Un premio per la fede

Il fisico teorico Sergio Ferrara

La teoria premiata, la “Teoria del Tutto”, sarebbe coronamento del sogno di Einsten; è in realtà una teoria moribonda.

Naturalmente non abbiamo nulla contro il connazionale Sergio Ferrara che il giorno 7 agosto ha vinto, assieme ad uno scienziato americano ed un olandese, il premio milionario Breakthrough. Ad maiora per lo scienziato romano! Il premio, foraggiato dai ricconi di Facebook, Google ed Alibaba è strombazzato come “pari al Nobel” e noi ce la beviamo così. Ma ciò che veramente non convince è che i tre scienziati abbiano ideato la teoria della “supergravità” già nel lontano 1976 e che da allora nessun esperimento l’abbia mai confermata. E allora perchè premiarli? Arriviamoci per gradi.

La nostra conoscenza dell’universo si fonda sulla teoria quantistica e sulla teoria della relatività. La prima permette la spiegazione di fenomeni microscopici fino a 10-16 cm e la seconda copre i fenomeni a scala galattica. La relatività einsteniana porta dritto dritto al Big Bang, la nascita del cosmo circa 13,7 miliardi di anni fa, così completando il quadro del “modello standard”, insieme di teorie che permette di fare una miriadi di progressi e previsioni in tutti i campi. Ma non è tutto oro ciò che luccica. Innanzitutto le due teorie tra di loro sono incompatibili eppoi, pur funzionando con opportuni aggiustamenti nel range suddetto, non danno informazioni a scala più piccola e più grande, ci costringono a convivere con evidenti paradossi e necessitano di interventi ad hoc ( materia ed energia oscura) per far quadrare le formule con ciò che vediamo ai telescopi.

Lo schema SUSY

Per risolvere la debàcle fu proposta, appunto negli anni ’70, la teoria della “supergravità” o “supersimmetria”, o SUSY, o MWT o teoria delle stringhe o multiverso o TOE (teoria del tutto). Alla base c’è la convinzione che ogni fenomeno sconosciuto sia spiegabile con controparti (nuove particelle) “supersimmetriche” di quelle conosciute. I governi decisero di unirsi per verificare questa idea investendo tanti bei quattrini negli esperimenti del Tevatron di Chicago e del Cern di Ginevra. “Se la supersimmetria è un’ipotesi corretta, la vedremo presto confermata”, si pensava nel 2005 di una teoria che prometteva 1 infiniti universi, dimensioni di una Natura infinita ed autosufficiente. I calcoli d’altronde predissero particelle supersimmetriche sufficientemente “leggere” da essere alla portata delle relativamente basse energie disponibili negli esperimenti.. E invece nulla: sia il Tevatron che il Cern non confermarono la teoria. I calcoli furono faticosamente modificati portando le particelle a masse maggiori, furono spesi più soldi per potenziare di dieci volte l’acceleratore del Cern ma nulla, un altro buco nell’acqua. Gli esperimenti in realtà dimostrarono con grande precisione la validità del modello standard (Bosone di Higgs) ma delle particelle supersimmetriche nessuna traccia.

Da qui la crisi della fisica con le teorie alternative si scontrano con un modello standard precisissimo ed inattaccabile che ci restituisce un’immagine innaturale del un cosmo, costruito come un “artefatto”. Di conseguenza la fisica rimane impantanata in decenni di sviluppo di una teoria dalla verifica improbabile. E le sabbie mobili del potenziamento degli esperimenti, ancora oggi perseguito, sembrano sempre più mortifere: i calcoli continuano ad essere rivisti verso masse maggiori ma diviene sempre più improbabile che in futuro si possa trovare qualcosa in quanto le energie necessarie non risultano neanche immaginabili.

E allora? Nonostanque molti tra quelli che ha lavorato dalla prima ora alla teoria asseriscano che “È tempo di pensare a una nuova idea e mettersi al lavoro per svilupparla”, la maggioranza dei fisici è disposta a perseverare con SUSY a tutti i costi. Ecco che vengono riportati alla ribalta coloro che hanno avuto l’idea, premiarli per sostenerne la fideistica speranza in una teoria che “potrebbe non essere una descrizione valida della realtà“. Solo così si potranno chiedere agli stati ancora più soldi, molti di più, per costruire acceleratori sempre più potenti. In ogni caso infatti, anche senza scoperta della supersimmetria, gli esperimenti regaleranno remunerative applicazioni alle multinazionali che avranno sviluppato il programma con soldi pubblici. Il cerchio quindi si chiude: guadagni privati permessi da fondi pubblici e schiere di atei incalliti alla Odifreddi che protranno continuare a coltivare la loro fede nella Natura, benedetti dai social e dai commercianti, tutti politicamente ineccepibili e riuniti dalla speranza del guadagno. La teoria quindi, appare “Too big to fail” come la Lehman Brothers e, come per il suo fallimento di allora, saranno le nostre tasche a coprire ogni buco. D’altronde il nome del premio, Breakthrough, oltre che “passo avanti” significa pure “sfondamento”.

Notes:

  1. Lisa Randall, Warped Passages

Big Bang sotto l’ombrellone

Teorie alternative per un unica certezza: l’inizio di tutto col suo Creatore

E’ di nuovo estate e la gente ha più tempo per le letture. Quale periodo migliore per usare l’artiglieria pesante dello scientismo? Varie testate scientifiche ripropongono quindi approfondimenti su temi che maggiormente appassionano la gente e quello delle origini del cosmo è naturalmente uno dei più interessanti. Articoli confondenti, ripetitivi, carichi di nulla. Una traduzione in italiano di un articolo di Quanta Magazine, ad esempio, racconta di come il mondo della cosmologia discuta vivacemente dell’origine del cosmo da tempo. Fu un prete cattolico ( e questo deve aver dato parecchio fastidio visto che il nobel non gli è stato mai

Georges Lemaitre

assegnato), Georges Lemaitre, a fare la più grande scoperta dell’umanità, e cioè che c’è stato un inizio di tutto. Nei confronti della sua teoria dell’atomo primigenio, altrimenti detta del Big Bang, il mondo scientifico si divise in supporter credenti e negazionisti atei in quanto, di fatto, un universo finito porta la ragione a considerare l’ipotesi pressante di un creatore. Come lo stesso Einstein sottolineò: «Questa è la più bella e soddisfacente spiegazione della creazione che abbia mai sentito». Quindi, la scienza “illuministica”, quella che aveva come scopo l’eliminazione del divino come spiegazione dei fenomeni fisici, pareva aver tragicamente fallito. Nonostante tutti i dati confermino un inizio del cosmo con una singolarità (punto di energia caldo e denso), parte della comunità scientifica continua anche oggi a ribellarsi a tale verdetto partorendo fantasiose alternative. L’articolo in questione parla della “teoria senza confini” di Stephen Hawking e James Hartle. Un giochetto matematico che, estrapolando a livello cosmico le interpretazioni della fisica quantistica, immagina un cosmo espresso sotto forma di una funzione d’onda, qualcosa che lo “impacchetta” e lo “congela” in una dimensione senza tempo, permettendogli così di non avere confini e quindi un inizio. Il lettore temerario potrà volendo approfondire, tendendo però in mente che il suo creatore ebbe a dire che «è solo un modello matematico, non ha senso chiedersi se corrisponde alla realtà» 1. Già, avete capito bene,non stiamo più cercando la realtà ma una sua rappresentazione vantaggiosa tanto “ambigua” 2quanto non verificabile. Ma anche chi si oppone a tale modello ne sta ricercando di alternativi, la matematica è d’altronde infinita…

Il numero di Luglio/Agosto di Scienze BBC Italia mi aveva convinto all’acquisto col titolo di testa: “E se non fosse iniziato tutto con il Big Bang?”. Mi aspettavo nuove fantasmagoriche teorie e invece, come al solito, dopo l’esposizione del bruciante disagio del mondo scientifico ler la “follia” di un inizio caotico che porta ad un iniverso ordinato improbabile con leggi improbabili, ecco la solita trita e ritrita teoria dell’universo ciclico. Ed avrebbe dovuto subito mettermi sull’avviso la solita immagine dei telescopi del Polo Sud (la stessa di un articolo di Le Scienze del dicembre 2014), attrezzi dai quali si aspetta uno straccio di prova che non arriva mai. Ad essere messa in dubbio è la storia secondo la quale subito dopo il Big Bang seguì un fenomeno di rapida espansione del cosmo chiamato “inflazione cosmica”, idea di A. Guth. L’accusa è che si tratta di un ipotetico fenomeno senza basi fisiche, senza ragione d’innesco e di fine. Di più, può essere riparametrato “ad hoc” per descrivere i fenomeni che gli astronomi effettivamente osservano, insomma, una scarpa buona per ogni piede. Non sarebbe quindi scienza secondo l’idea popperiana della non falsificabilità ma cè chi sostiene che la scienza possa tranquillamente liquidare questi dettagli 3. Ma al di là dei problemi di metodo che colpissono alla radice la scienza stessa, sono le stesse proposte avanzate dal team critico nei confronti dell’inflazione ad apparire ancora meno probabili. Un bel problema!

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Leesmolin.jpg
Lee Smolin

Infine, Le Scienze ripropone il tema delle nascite alternative e seriali del cosmo pubblicando in allegato un libro di Lee Smolin dal titolo “La Rinascita del tempo” nel quale il fisico e filosofo canadese è lucidissimo nell’ammettere che “l’elenco delle tragedie della cosmologia quantistica è spaventoso“(p. 123). E’ lucido anche nel manifestare il disagio per un cosmo così ordinato apparentemente originato dal caos di una singolarità. Ma per risolvere i problemi di una scienza al palo come quella odiena propone il suo polpettone di universo spiegazione di sé stesso, con leggi in evoluzione, senza causa effetto, tempo reale ed infinito. Il tutto senza prove e minato alla radice da un regresso infinito logico-matematico (p. 302). Ma Smolin avrà mai letto di Kurt Gödel? E non ha letto che questo logico austriaco dimostrò che un qualsiasi sistema non è spiegabile dal suo interno, proprio come tutta la matematica e la logica? La medicina di Smolin pare essere tanto peggio della malattia quanto è assurda ed improbabile la mole di ipotesi circolari che l’autore è costretto ad immaginare per superare l’empassse della fisica moderna. Il libro è in ogni caso illuminante perchè bene tratteggia il deficit di capacità conoscitiva della scienza attuale. Riferendosi alla materia, il fisico Smolin annota che è “qualcosa di cui non sappiamo nulla“, tanto “da dubitare che la scienza possa dirci che cosa è realmente il mondo” (p. 326-7). E ammette pure la malattia dello scientismo di cui è irrimediabilmente affetto: “Se oltre alla scienza esiste un’altra strada per arrivare ad una conoscenza affidabile del mondo, è improbabile che io la segua, perchè la mia vita è incentrata sull’impegno nei confronti dell etica della scienza“. Povero Smolin, condannato per sempre a non capire. E invece, come sarebbe facile aprire un libro più letto e leggere: “Tu hai disposto ogni cosa con misura, calcolo e peso” Sap 11,2

Fa caldo, ma dopo tante letture e tanto fumo negli occhi, sotto l’ombrellone rimane una sola certezza, l’inizio di tutto ed il suo Creatore. E ora ci sta un bel bagno.

Notes:

  1. The Objections of an Unashamed, 1997, p. 169
  2. Secondo Neil Turok “Il problema con l’approccio di Stephen e Jim è che era ambiguo,
    profondamente ambiguo”. Abbiamo scoperto che fallisce miseramente” Quanta Magazine, Physicists Debate Hawking’s Idea…June 6, 2019
  3. Si tratta della epistemiologia di “falsificazione matura” di I. Lakatos

Il principio antropico

Le condizioni estremamente improbabili per la nascita della vita nell’ Universo e il Principio Antropico

Dal blog Mi-cha-el , ottobre 2018

In questo periodo mi sto interessando del cosiddetto ‘Principio Antropico’. Esso fu enunciato nel 1987 in due forme (debole e forte) da Barrow e Typler nel loro libro ormai famoso (1). Questo Principio fa riferimento al fatto che visto che nel nostro Universo esiste la vita allora le leggi fisiche non devono essere tali da impedirne il suo insorgere. Messo così sembrerebbe una affermazione banale e tautologica, ma in realtà non è così e nelle sue diverse enunciazioni  ha dato vita ad un dibattito tra scienziati credenti e no, filosofi della scienza e teologi.
Il Principio è scaturito da una considerazione importante e fondamentale: affinché sia potuta nascere (concediamo per ora casualmente) la vita, si sono dovute verificare delle condizioni tali che definirle estremamente improbabili è dir poco: il nostro Universo con i valori delle costanti fisiche che regolano le forze fondamentali e che si fissarono nei primi istanti del Big Bang è così finemente sintonizzato che uno scostamento anche minimo del loro valore, anche solo di uno di esse, avrebbe impedito la formazione dell’Universo così come lo conosciamo quindi della vita e la nostra stessa esistenza.

Detto questo però, nel libro di Barrow e Typler pare esserci una incoerenza  (che ho trovato ben spiegata nel libro di Alister Mc Grath (2) e di cui riporto nel seguito alcuni brani) che una volta identificata e corretta lo farebbe apparire una raccolta poderosa di argomenti a favore in un disegno intelligente e non casuale nell’Universo. Vediamo il perché di questa incoerenza (seguendo il ragionamento di Alister Mc Grath)….
Partiamo da una affermazione contenuta nel Principio Antropico:
1- Non bisogna essere sorpresise non osserviamo caratteri dell’Universo incompatibili con la nostra esistenza.
In pratica : visto che esistiamo è ovvio che non possiamo sorprenderci del fatto non esistono leggi che ci impediscono di esistere, in quanto se ci fossero queste leggi noi non ci saremmo e quindi esse non potrebbero essere osservate! E questo è naturalmente vero.
Ma quello che subito dopo però stabiliscono gli autori (Barrow e Typler) come conseguenza di tale affermazione, è che allora:
2 – Non dobbiamo essere sorpresi se osserviamo caratteri nell’Universo compatibili con la nostra esistenza. Ebbene, questa è un’affermazione fallace, perché è vero che ovviamente nell’Universo non possiamo che osservare  caratteri che sono compatibili con la nostra esistenza (nella fattispecie il fine-tunig) ma ciò non significa che non dovremmo non sorprenderci di ciò: infatti il fatto che esistiamo e osserviamo queste condizioni nulla toglie alla loro estrema improbabilità di accadere!
E per evidenziare questa fallacia piò essere interessante  questo bell’esempio dovuto a W.L.Craig (1988) e riportato da Alister (3):
“Supponiamo che siate trascinati davanti ad un plotone di esecuzione formato da cento tiratori scelti, ciascuno munito di un fucile perfettamente carico ed efficiente, che mirino al cuore. Sentite il comando ‘fuoco!’, siete sempre vivo, poi udite un fragore assordante, aprite gli occhi e….scoprite che tutti i cento tiratori hanno sbagliato il bersaglio! Per quanto possa sembrare impossibile, è successo!
Adesso riflettete sulle seguenti proposizioni:
3 – Non dovreste rimanere sorpreso dal non osservare che siete morto (e questo è ovvio! Infatti se siete vivi non potete vedervi morto!) (questa è equivalente alla 1-)
4 – Dovreste invece essere sorpreso di osservare che siete vivo! (infatti era estremamente improbabile che tutti i tiratori sbagliassero!), ma questa è equivalente alla negazione della 2-! Quindi la 2- dovrebbe essere trasformata nel suo contrario che chiameremo 5-:
5 – Dovremmo essere sorpresi nell’osservare dei caratteri dell’Universo compatibili con la nostra esistenza (e questo perché il loro verificarsi era molto ma molto improbabile, quasi impossibile… – nota mia)”
ed è notevole e chiarificatore anche quest’altro esempio dovuto a Swinburne (1979) (4): “Supponiamo che un mentecatto rapisca una vittima e la rinchiuda in una stanza con una macchina che distribuisce carte da gioco. La macchina mescola dieci mazzi di carte contemporaneamente – (come se avesse 10 paia di mani- nota mia) – e poi sceglie una carta a caso da ciascun mazzo e le mostra (queste dieci carte scelte) tutte nello stesso tempo. Il rapitore dice alla vittima che metterà presto in moto la macchina e che essa mostrerà la prima carta estratta ma, se non saranno estratti simultaneamente un asso di cuori da ogni mazzo, la macchina esploderà in quello stesso momento uccidendo il rapito, per cui quest’ultimo non vedrà le carte sorteggiate dalla macchina. Viene messa in moto la macchina e con sorpresa e grande sollievo della vittima, esibisce un asso di cuori da ciascuno dei mazzi. La vittima pensa che questo fatto straordinario vada spiegato nel senso che la macchina è stata manipolata in qualche modo (è quello che pensa il credente che sostieneche non può essere che si siano verificate per casole condizioni per la nascita della vita nell’Universo – nota mia). Ma il rapitore, che ricompare, scredita tale spiegazione. “Non è affatto sorprendente, dice, che la macchina estragga soltanto assi di cuori. Non avreste potuto vedere niente di diverso, perché se fossero state estratte altre carte non sareste qui e non vedreste niente (è quello che dice il non credente asserendo che non c’è nulla di straordinario nel fatto che osserviamo condizioni favorevoli alla vita visto che esistiamo e il contrario non potremmo osservarlo – nota mia)”. Ma ovviamente la vittima ha ragione e il rapitore si sbaglia. C’è realmente qualcosa di straordinario e che esige di essere spiegato nel fatto che vengano estratti contemporaneamente dieci assi di cuori da dieci mazzi di carte. Il fatto che quella serie di dieci assi di cuori sia una condizione necessaria perché si possa vedere l’estrazione non rende affatto meno straordinario e bisognoso di spiegazione ciò che viene percepito”. In pratica Swinburne sostiene che l’esistenza di un osservatore non influenza la probabilità degli eventi osservati: se una serie di eventi altamente improbabili fa sì che nasca un osservatore che può constatare tale improbabilità, quegli eventi rimangono pur sempre improbabili!
A causa di questa (estremamente) improbabile coincidenza di condizioni che ha permesso la vita, fra l’altro cosciente e intelligente e che fa sospettare un Disegno intelligente e quindi l’opera di un Creatore, o che almeno non è incompatibile con esso, alcuni fisici per salvare il principio del Caso quale autore di tutto hanno dovuto ipotizzare la nascita (casuale) di infiniti Universi (ammettendo fra l’altro perciò la possibilità dell’esistenza di un infinito attuale), ognuno dei quali con leggi fisiche e parametri differenti, in contrasto però col principio delrasoio di Ockham e con quello di falsificabilità delle teorie scientifiche, in quanto questi ipotetici altri universi sarebbero al di fuori di ogni possibile sperimentazione. 
Ma di questo parlerò in un altro post. ___________________________________________________
Note e crediti
1) J. Barrow e F.J. Typler – The Antropic Cosmological Principle – Oxford University Press (1986)
2) Alister E. McGrath – Scienza e Fede in dialogo – I fondamenti – Ed Claudiana (2002) pag. 137 -145
3) W-L. Craig – Barrow and Tipler on the Antropic principle vs. Divine Design (1988) pag. 389-95 (citazione di Alister Mc Grath in (2)) .
4) R. Swinburne – The Existence of God – Clarendon press Oxford (1979) pag. 138 (citazione di Alister Mc Grath in (2))

La fisica dell’istinto

Ancora alla ribalta su Le Scienze il modello vecchio di 22 anni dell’universo senza confini, “in bottiglia” come disse l’inventore J. Maldacena. Si tratta di un modello matematico/geometrico che prevede un universo “olografico” originato da un sistema sottostante con una dimensione in meno. Capito? No? Poco male, perché si tratta solo di un “giocattolo” matematico, con “poca speranza di avere prove sperimentali che dimostrino la correttezza“, come afferma proprio l’articolista di Le scienze.

Da rimanere basiti: di che parliamo allora? Di aria fritta, a quanto pare, anche se qualcuno ci crede lo stesso, come il fisico Xi Dong: “se i pezzi cominciano a combaciare, istintivamente sai di essere sulla strada giusta“. Strano vedere tanta fideistica istintività in uno scienziato, ma è disinteressata passione o c’è dell’altro? Il fatto è che “a molte persone non piace l’idea che il tempo abbia avuto un inizio, probabilmente perché sa di intervento divino”. [S. Hawking, Dal big bang ai buchi neri. Breve storia del tempo, 2011] Uomo avvisato…

Aperta, ma non sempre

Ieri, alla trasmissione de La7 L’aria che tira, Myrta Merlino ha intervistato lo scrittore Gianrico Carofiglio che, dopo aver diligentemente prensentato il suo libro, ha iniziato a sciorinare massime di Einstein. Quella meno propriamente attribuibile allo scienziato era: “La mente è come un paracadute. Funziona solo se si apre.” Chissà se Carofiglio sa che proprio Einstein ha dimostrato con alcune delle sue vicende che la massima è proprio vera?

Nel 1927 il cosmologo e prete belga Jeorges Lemaitre gli presentò l’idea che l’universo fosse in espansione. «I tuoi calcoli sono corretti, ma la tua comprensione della fisica è abominevole», fu la risposta di Albert, convinto in maniera preconcetta dell’infinità del cosmo. La mente del grande scienziato continuò a rimanere chiusa anche quando Mons. Lemaitre iniziò a sostenere che l’universo avesse avuto un inizio che egli chiamò “atomo primigenio”. Einstein ribattè infastidito che «Questa faccenda somiglia troppo alla Genesi, si vede bene che siete un prete» e solo nel 1933 l’inventore della Relatività cedette alla futura teoria del Big Bang di Lemaitre, ammettendo ad una presentazione del cosmologo belga che «Questa è la più bella e soddisfacente spiegazione della creazione che abbia mai sentito».
Ci vollero quindi cinque anni perchè il “paracadute” di Einstein si aprisse e quella frase, probabilmente non sua, forse non l’avrebbe neanche mai ripetuta, per non vergognarsene.

Esplosioni fortunate

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Star-expl.jpg

Il fine tuning dell’ universo proveniente dalla caotica singolarità che chiamiamo impropriamente “Big Bang” è inconcepibile. Sappiamo che anche la nascita della prima forma di vita sulla terra fu un evento estremamente improbabile. Ora una simulazione al computer del Politecnico di Zurigo asserisce che anche l’ “ambiente” spaziale che ha permesso alla terra di essere abitabile fu molto improbabile: prima del sole, una stella gigante deve essere esplosa “innaffiando” la terra di elementi radiottivi che hanno permesso superficie solida e clima favorevole. “Sembra che siamo stati straordinariamente fortunati”, ha detto il coordinatore dello studio, Tim Lichtenberg. Fortunati anche perchè dopo la prima cellula una serie di miracoli in successione hanno portato all’uomo ed alla sua inspiegata coscienza. Ma siamo fortunati o solo ottusi a continuare a pensare in questo modo? Questa è conoscenza? E facciamocela qualche domanda ogni tanto!

Tirando le somme

Ma noi, non specialisti? Cosa dedurre da questa full immersion nella fisica e nella cosmologia? Aspettiamo che venga costruito un acceleratore da 500 GeV sulla luna nel 2231? Qualcosa di certo c’è già ora. E’ indubbio per esempio, che la scoperta della natura dei pianeti, dei sistemi stellari e delle galassie rappresenti una conoscenza che ha contribuito molto a delineare la reale collocazione dell’uomo nel cosmo. Ancora di più, la scoperta del Big bang, dell’origine del “tutto” è una pietra miliare nella storia della conoscenza umana, continua..

Un universo impossibile

Esperimento ATLAS, 2012

Abbiamo visto nella precedente puntata come la “Supersimmetria”, se confermata,  risolverebbe molti dei problemi della fisica. Vediamo in questa puntata come spiegherebbe quello della minuscola massa del bosone di Higgs.  Per dare conto del fenomeno, in trent’anni di duro lavoro, i fisici hanno immaginato l’esistenza di decine di “superpaticelle” che, marcando stretto la loro controparte “standard”, fornirebbero durante l’interazione col campo di Higgs una “guida” precisa per sottrarre ed aggiungere massa al campo. Continua..

L’armonia dal caos

Peter Higgs

I cosmologi coi loro calcoli possono mandare indietro la storia del cosmo come una moviola fino a una frazione microscopica di secondo dopo il Big Bang usando le equazioni di Albert Einstein e i cinque parametri (numeri indipendenti che abbiamo visto essere aggiustati ad arte), della costante lambda, della densità di materia ordinaria, della Materia Oscura e di Energia oscura, coniugandole con delle fluttuazioni quantistiche dell’universo iniziale. Continua..

Finemente equilibrato

Si deve ammettere che l’argomento del “fine tuning” trattato nella precedente puntata non è un argomento risolutivo rispetto alla necessità di una “mente” superiore che indirizza il corso del cosmo. Chi non accetta tale impostazione può infatti uscire dall’angolo ribattendo che noi viviamo nell’unico universo fra i tanti fra quelli che ne esistono in cui ci sono proprio quelle condizioni che rendono possibile la nostra esistenza. Staremmo insomma scambiando causa con effetto. Leggi tutto…

Il Big Bang ed il “fine tuning”

G. Lamaitre

Iniziamo questa ennesima puntata di approfondimento sulla natura dell’universo con una domanda che può apparire fuori luogo: perchè il cielo di notte è scuro? In pochi ci pensano ma dalla risposta deriva una grande verità. All’inizio dell’800 se lo chiese anche l’astronomo tedesco Heinrich Wilhelm Olbers: con l’universo infinito e pieno di infinite stelle il cielo sarebbe dovuto essere zeppo di luce di stelle e non scuro. Fu stranamente uno un letterato, Edgar Allan Poe a mettere in dubbio che l’universo fosse infinito, leggi tutto..

Ops, mi son perso l’universo!

Il modello standard prevede che 13,7 miliardi di anni fa ci fu l’inizio di tutto, quello che chiamiano il Big Bang. Dopo un periodo infinitesimo in cui nacque il tempo e l’energia(?) si formarono in egual misura materia ed antimateria. Fino a poco tempo fa gli scienziati pensavano che la materia avesse caratteristiche leggermente differenti rispetto all’antimateria perchè, in caso contrario, dal loro incontro si sarebbe generato un annichilimento assoluto, un “aborto cosmico”. Ma alla fine dell’anno scorso, un esperimento del Cern, incentrato sulle caratteristiche dell’antiprotone, ha dimostrato che materia ed antimateria sono identiche e speculari (di segno opposto). Che significa? “Ognuna delle nostre osservazioni ha rilevato una completa simmetria tra materia e antimateria ed è per questo che l’universo non dovrebbe esistere“. Insomma, non dovrebbe esserci  nulla, niente, nada, annichilito dall’interazione di particelle ed antiparticelle. “Deve esserci una sproporzione da qualche parte, semplicemente non capiamo dove” ha confessato il coordinatore dello studio Christian Smorra.  Ci si augura che si superi l’empasse ma questo è il genere di notizie che fa sorridere quando viene accostato ad affermazioni di qualche sacerdote scientista del tipo: “Noi sappiamo tutto, dal primo istante , o meglio dall’istante immediatamente successivo al Bing Bang“. ( P. Flores d’Arcais, V. Mancuso, “Il caso o la speranza? Un dibattito senza diplomazia“, p. 27, 2013 ).

Da Aristotele a Newton

Continuiamo nel nostro approfondimento sull’universo e la “stoffa” di cui è fatto, ma stavolta faremo sul serio, tanto che la pagina potrebbe risultare indigesta a coloro che sono completamente a secco di nozioni di fisica. Per aiutare il lettore si cercherà, per quanto possibile, di utilizzare termini semplici e si renderà il testo non troppo lungo, permettendo di ragionare su di un numero limitato di concetti. Continua..