Archivi categoria: Citazioni

La scienza dell’incertezza

"Se, d’accordo con il Teorema di Godel, qualunque sistema assiomatico contiene proposizioni indecidibili; se, d’accordo con la relatività di Einstein, non esistono più lo spazio e il tempo assoluti; se, d’accordo con la fisica quantistica, la scienza è solo in grado di offrire vaghe e casuali approssimazioni del cosmo; se, d’accordo con il principio di indeterminazione, la causalità non serve più a predire con certezza il futuro; e se gli individui possono accedere solo a verità parziali, individuali, allora tutti noi che siamo stati modellati con la stessa materia degli atomi, siamo fatti d’incertezza".

Jorge Luis Volpi Escalante, accademico saggista, In cerca di Klingsor – Mondadori, Milano 2000, p.378

L’ottimismo dello scienziato

«Il credente ha forse il vantaggio di sapere che l’enigma ha una soluzione, che la scrittura soggiacente è, tutto considerato, l’opera di un essere intelligente, che il problema della natura può essere risolto e che la sua difficoltà è senza dubbio proporzionata alla capacità presente o futura dell’umanità. Tutto ciò non gli darà forse delle nuove risorse nella sua ricerca, ma contribuirà a mantenerlo in un sano ottimismo, senza il quale non si può conservare a lungo un forte impegno»

(Georges LamaÎtre, prete, fisico, astronomo belga, ideatore della teoria del Big Bang e della Legge di Hubble, Direttore della Pontificia Accademia delle Scienze, citato da O. Godart & M. Heller, in Les relations entre la science et la foi chez Georges Lemaitre, Pontificiae Academiae Scentiarum Commentarium, vol. III, n. 21, p.21).

Il tempo è illusione

Inauguriamo con questo post la categoria “Citazioni” in cui i più grandi pensatori della storia potranno regalarci le loro “chicche di saggezza”

«Ecco che ancora una volta mi ha preceduto, seppur di poco, nell’abbandonare questo strano mondo. Tutto questo non ha nessun valore. Per noi fisici credenti  la distinzione tra passato, presente e futuro si equivale ad una illusione, per quanto essa sia ostinata.»

(A. Einstein, due mesi prima di morire scrive ai familiari dell’amico appena mancato Michele Besso, e al defunto si riferisce nella frase; Lettera alla famiglia Besso, 21/3/ 1955)

Distruggere lo spirito

«In passato eravamo perseguitati malgrado fossimo il popolo della Bibbia; oggi, invece, siamo perseguitati proprio perché siamo il popolo del Libro. Lo scopo non è solo sterminare noi, ma insieme a noi distruggere anche quello spirito, espresso nella Bibbia e nel Cristianesimo, che rese possibile l’avvento della civiltà nell’Europa centrale e settentrionale. Se questo obiettivo verrà conseguito, l’Europa diverrà terra desolata. Perché la vita della società umana non può durare a lungo se si fonda sulla forza bruta, sulla violenza, sul terrore e sull’odio»

(Albert Einstein, Pensieri, idee, opinioni,  2004, p. 26).