Opinionisti opinabili

In Italia  l’intellighentzia ha perso la bussola, e da tempo. Di più, sono proprio gli intellettuali ad  aver cagionato il deragliamento del pensiero moderato vomitando qualsiasi idea che passasse a tiro delle loro gengive. Facciamo qualche esempio? A destra, devi districarti col macete nella selva del turpiloquio di Vittorio Feltri per arrivare, tra un segno dell’ombrello ed una sbuffata, ad affermazioni figlie del suo collaudato equilibrio: “che c***o me ne fotte a me degli immigrati? Io, tra l’altro, se arriva qualche nero che viene a lavorare e casa mia per poche lire sono anche contento“(La7, In Onda, 17/7/2017). E se pensate che la destra non è nuova a pensieri e manifestazioni “rozze” sappiate che anche la sinistra si difende benissino, eruttando assurdità di una sottigliezza criminale: l’eroe anticamorra dei due mondi, Roberto Saviano infatti, tra un selfie impreziosito dal dito medio eretto ed una capatina all’attico di New York, sostiene che «i cattolici non possono influenzare o boicottare nuove leggi. Questo è profondamente ingiusto» ed a nessuno può essere concesso di«fermare il diritto a sognare di avere una famiglia e dei figli, nonostante la propria omosessualità». (L’espresso,Lasciate che i gay adottino bambini, 21/1/2013). Intolleranza, volgarità, pensiero illiberale, mancanza di equilibrio, queste le qualità che deve possedere un “intellettocrate” perchè possa essere osannato da una platea che si ciba d’immondizia.

Buon appetito, Italiani.