Perle di progressismo

Centrati a vantaggio dell’intera umanità  i mirabolanti obiettivi dell’aborto e del divorzio facile, del matrimonio omosessuale e dell’utero in affitto, la sinistra progressista dell’Occidente è alla divertita esplorazione del continente del  “sesso strano” e della”gender choice“. L’Italia non fa eccezione e sono diverse le amministrazioni comunali, provinciali e regionali che nel moderno supermetcato dell’orientamento sessuale offrono una variegata offerta a bambini ed adolescenti. Ci sono libri che, grazie ad un cavallo che si sente un cane, insegnano ai bambini che cambiare sesso è divertente: in Svezia con questo metodo i bambini transgender sono aumentati del 100%, che bello! Anche noi, anche noiii. Poi c’è il  teatro per ragazzi che  invita ad essere bambini gender fluid, quella nelle scuole. e quella della Rai che è impegnata a sua volta con video istruttivi. Ma anche per le strade, nelle piazze delle vostre città, è possibile sperimentare quanto eccitante sia uscire dalla “gabbia eteronormativa”.  A Santarcangelo, ad esempio si “spinge”, tra le altre cose, sulla ecosessualità, presentando l’attività di un club ecosessuale (con le piante e/o animali è più bello). Anche a Palerno, un’ illuminata amministrazione ha portato recentemente questa “moda” all’Orto Botanico , totalmente incurante che i bambini  possano o meno accedare ad un filmato chiaramente pornografico.

E se un bambino dovesse mai farsi venire dei dubbi a vedere tutte queste belle ed istruttive cose? Beh, ci pensa lo Stato a prendersene carico, anzi, lo Stato fa in modo che il bambino stesso, prima o poi, decida cosa diventare, facendo da cavia per un farmaco che potenzialmente lo può devastare. Non ci credete? E invece è proprio così. Infatti, la commissione AIFA il 13/7/2018 si è riunita e ha votato a schiacciante maggioranza un documento che  rende legale l’utilizzo di Triptorelina per bloccare lo sviluppo sessuale del bambino “confuso”(viene chiamata Disforia di Genere, DG) in attesa di sviluppi futuri. Vi sembra troppo? E allora in aggiunta sappiate che il testo recita che  “Al momento l’uso del farmaco per DG negli adolescenti è caratterizzato da incertezza: 1) non esistono studi di sicurezza e dati sufficienti di follow-up in grado di rassicurare sulla mancanza di effetti collaterali a breve e a lungo termine. Non risulta sufficientemente provato se l’interruzione della pubertà fisiologica possa avere conseguenze negative sulla crescita, sulla struttura scheletrica, sull’apparato cardio-vascolare, neurologico-cerebrale e metabolico e sulla fertilità. I dati disponibili sono di tipo aneddotico, osservazionale o narrativo per quanto riguarda sicurezza ed efficacia: senza adeguati controlli sperimentali è impossibile un giudizio scientifico sui rischi. 2) Non sono ancora sufficientemente esplorate le conseguenze del blocco dello sviluppo sessuale in rapporto allo sviluppo emotivo-cognitivo che procede. 3) Un punto critico bioetico è la partecipazione e il consenso al programma terapeutico dell’adolescente. Nella somministrazione del farmaco va considerata la condizione di particolare vulnerabilità degli adolescenti sotto il profilo psicologico e sociale. Si pone, dunque, il problema in quali termini un assenso di un minore possa essere espresso in modo realmente libero, valido, senza interferenze esterne, e con la consapevolezza delle informazioni ricevute, per questo caso e in queste condizioni, nelle quali, tra l’altro, la DG, come già ricordato, si accompagna spesso a depressione, ansia, istinti suicidari».

Ci si chiede come, nonostante questi macigni posti dinanzi all’utilizzo di una tale “terapia preventiva” la commissione abbia dato lo stesso parere positivo. Evidentemente il “pensiero unico” non ammette deroghe. Quindi se avete un figlio adolescente che, andando al parco, ad esempio, scopre la propria supposta “confusione” sessuale, potete, col favore dell’AIFA, decidere di bloccargli lo sviluppo  fermandolo in un limbo di ambiguità sessuale, col rischio reale di provocargli enormi danni fisici e psichici. La natura ed il buon senso non solo non vengono tenuti in conto ma vengono calpestati con un farmaco con caratteristiche di sicurezza nulle.

Ci si rende conto che si tratta di persone scosse ed immature quando si affermano cose come: «Attraverso l’ausilio di professionisti del settore, è importante ottenere dal minore un consenso espresso in modo libero e volontario e con la consapevolezza delle informazioni ricevute nelle specifiche condizioni fisiche e psichiche. Durante questo processo è di fondamentale importanza verificare anche che le aspettative esterne, dei genitori e della società, non interferiscano sull’acquisizione di consapevolezza dell’adolescente»?

A volte ci si chiede perchè mai la maggioranza moderata degli Italiani continua ad abbandonare tali sensati paladini del progressismo per gettarsi nelle braccia di pericolosi estremisti populusti. Qualcuno ha, a questo punto, chiara almeno una parte della risposta?